VISITORS

sabato 20 dicembre 2008

La nuova Sfida


Ciao Ugo, e ciao anche a te Orange che stai leggendo e ciao a tutti gli altri. Bene con questo post accetto l'invito del mio amico di squadra Ugo e con lui tutti coloro che vorranno partecipare alla bella ma non per nulla facile impresa dell'Edizione della 100km del Passatore 2009.
Io al momento sono fermo, un "fermo forzato" dovuto a tutta una serie di piccoli infortuni che mi sono capitati, con il dolce finale della maratona di firenze a cui non ho partecipato a causa dell'influenza. Così, mi sono dato un blocco mentale e successivamente fisico per risolvere anche il fastidioso dolore che avevo alla caviglia destra, ricordate? In un post precedente vi avevo scritto di questo mio infortunio che mi procurava notevoli fastidi durante la corsa e gli allenamenti, dopo varie medicine, ghiaccio ecc, la cosa migliore era fermarsi e alla maratona di firenze, visto i segnali che il mio fisico mi ha mandato, decisi di dare uno stop.
Ora che sono in fase di recupero - fermo restando che non mi sono mai fermato sotto l'aspetto fisico, ma ho continuato a fare palestra, nuoto, ellittica ecc, - sono pronto per tornare e, dal primo gennaio, inizierò l'allenamento per la passatore 2009 data in cui penso che rientrerò in pista. 
Bene, vi aspetto in tanti, e spero che in un modo o nell'altro siate consapevoli che è una gara diversa, unica, ma soprattutto la più bella di tutte, per i rapporti umani che si creano con i concorrenti; perchè durante la notte trovarsi a parlare con un concorrente per te sconosciuto diventa, durante quell'impresa, il tuo migliore amico e ti fa compagnia con qualche scambio di parole per pochi o diversi km, e questo amici miei è una cosa unica al mondo, credetemi. AUGURO A TUTTI BUONE VACANZE DI NATALE E FELICE ANNO NUOVO DAL VOSTRO AMICO DI SQUADRA E BLOGRUNNER MARIONE!!! HOLA 

giovedì 11 dicembre 2008

I tre dell'ave maria

 Beh che ne dite? Manca il quarto che come al solito va di fretta ed era già andato a correre perchè ultimamente ha le fregole sotto i piedi e quindi era già partito, di chi parliamo? Ma di EZIO ovviamente, non si ferma più!!!
Bene, bene, bene, nemmeno il freddo lo ferma al grande EZIO beato lui!! Detto questo io sono ancora raffreddato, me la sono presa bene questa influenza quest'anno e ancora ho i residui, quindi mi alleno, ma al chiuso in palestra sul Tapis Roulant. Certamente all'aria aperta è un'altra cosa ma devo dire che si puoi creare anche sul tappetino delle varianti interessanti per mantenersi in forma e allenare alcuni muscoli dei nostri due cavalli, che durante la normale corsa su strada non alleniamo, a meno che non andiamo su percorsi sali scendi o salite.
I migliori modelli della technogym arrivano a pendenze del 15% che non è cosa da poco, e così facendo possiamo lavorare a tutti i livelli, con varie tipologie di velocità e di pendenza. Possiamo camminare, dalla semplice walking, alla power walking, fino ad arrivare alla climb walking, la mia preferita che sfrutta anche la parte superiore del corpo e coinvolge vari gruppi muscolari. Provate un allenamento di questo genere totale 30 minuti con 10 minuti di riscaldamento ad una pendenza del 5% e poi in progressione ad intervalli di 3 minuti fino ad arrivare al 15%, il massimo con velocità variabili tra il 5,5km al 6,5km, vi posso dire che è un ottimo allenamento cardio vascolare e mette in moto molti muscoli della parte posteriore della gamba.
Bene allora buon tapis roulant a coloro che come me in questo periodo si dedicano ad un allenamento indoor!!!

martedì 2 dicembre 2008

Non c'è due senza......

Voi direte che c'entra Parigi, beh è dove mi trovo in questo momento... e si vede che ci avviciniamo a Natale, scusate la foto un pochino piccolina ma dal telefonino meglio non si può.
Allora, il titolo del post è dovuto al fatto che per la seconda volta la mia regione mi.......FREGA!!. Volevo usare un altro termine, molto più pesante ma non mi pare educato per voi lettori, venerdì attacco alla gola, sabato in albergo con qualche linea di febbre e domenica mattina rinuncia alla maratona. Ero tentato, imbottigliato di medicinali ma poi la razionalità ha prevalso, soprattutto perchè lunedì  dovevo partire per lavoro per la francia e tutt'ora che vi scrivo dalla stanza dell'albergo, sono sotto effetto dell'aspirina. Rinunciare ad una gara porta delle responsabilità solo al sottoscritto, non venire qua in francia per lavoro mi comportava delle giustificazioni a cui il capo poteva rispondere: non mi frega niente della tua passione.
Si voi capite, la nostra è una passione e come tale rimane, ma in certi momenti lo spirito di competizione la voglia di metterci alla prova ecc, ci fà tirare la corda e così credo che sia stato per me, mesi di preparazione uniti a lavoro micidiale mi hanno fisicamente inchiappettato fino al punto in cui il mio fisico ha detto: ti mollo!!! Così sono in francia con gli antibiotici in corpo che vado a lavoro perchè non posso fare diversamente e deluso dal fatto che anche quest'anno Firenze mi ha fregato, vuoi forse perchè ho esagerato con gli allenamenti, vuoi perchè forse capita in un periodo dell'anno in cui il tempo è ballerino, caldo poi freddo, poi sole, poi acqua, insomma non si sa come ci si deve vestire, ma alla fine mi ha colpito alla gola e mi ha letteralmente sdraiato.
Cosa dire a questo punto? Non lo so, forse per quest'anno chiudo, nel senso che non corro più tranne che per mantenermi in forma e per passione, e poi inizio di nuovo con il nuovo anno con gli ORANGE e con tutta la mia nuova società che devo ancora conoscere, perchè a parte il GIAMPY, EZIO, FAUSTO gli altri li conosco di nome, qualcuno l'ho visto passare in via dei CALZOLAI, perchè c'ero non credete che non ci fossi, ero lì silenzioso per non farmi contagiare dalla voglia di venirvi dietro e da un mal di gola che mi lacerava, ma c'ero ma non potevo farvi nemmeno un urlo in quanto nemmeno la voce era presente a causa di questa maledetta gola.
L'anno 2008 si chiude con almeno la Passatore almeno quella sono contento di averla fatta e sono orgoglioso di averla fatta tutto da solo, senza nessun supporto, ne morale, ne alimentare, perchè caro amico mio Giampy è vero che gli altri Orange sono arrivati prima di me, ma è anche vero che avevano dietro uno staff della madonna, quando volevano c'era chi gli dava da bere, da mangiare, il cambio indumenti ecc.. io invece con il mio zainetto di supporto, la mia testa e le mie gambe senza nient'altro e i punti di ristoro...e c'è un pochino di differenza , non per vantarmi ma credetemi sapere che c'è qualcuno con voi che quando volete è lì per darvi qualcosa, anche se fosse solo una parola di conforto fà molto.
Bene vi saluto, se ci sono altre gare fatemelo sapere in quanto al momento sono in un periodo di passaggio dalla vecchia società alla nuova e quindi non ho idea quali possano essere le prossime gare, sempre se mi riprendo fisicamente da questa ondata di influenza..
Un saluto a tutti dalla francia e da parigi che sotto questo periodo è fantastica, peccato che me posso godere poco, visto come stò!!
PS: SIETE STATI TUTTI GRANDI ALLA MARATONA DI FIRENZE, MA NON C'ERANO DUBBI IN PROPOSITO....HOLA BLOGTROTTERS

martedì 18 novembre 2008

Inverno cosa indosso?

E si, dicono che l'inverno sia alle porte, è giusto visto che siamo quasi a fine novembre e il problema diventa da cosa indossare e come uscire per le nostre sgambettate invernali.
La temperatura giusta per noi runners è di 18 gradi, è ovvio però che una temperatura ideale la troviamo solo nelle mezze stagioni e queste non sono mai di lunga durata, per non dire che a volte nemmeno arrivano. Tornando al nostro equipaggiamento, questo gioca un ruolo importante nell'invogliarci a correre,  far girare le nostre gambe e sentirsi freddi non è proprio una situazione confortevole. In commercio ci sono vari capi di abbigliamento, io personalmente li ho provati molti, dall'adidas, alla nike, alla puma fino ad arrivare all' under armour e alla gore-tex. Dry-fit, cold weather, ognuno li chiama in maniera diversa e hanno forme diverse, ma quali di questi sono veramente utili e funzionanti? L'adidas, prezzo variabile non molto economico, vari tipi di modelli a manica lunga, mezza manica e smanicata, io l'ho trovata un pò pesante come forma e microfibra, se sudi molto rimane bagliata con la conseguenza che di dry-fit rimane ben poco, nike prezzo simile all'adidas ma con tessuto a mio avviso migliore, soprattutto la nuova versione della dry-fit che ha una microfibra più leggera, non basta da sola a proteggerti dal freddo, ma questo vale anche per l'adidas ma ha, per quanto mi riguarda un'ottima traspirazione, tra esterno ed interno rimane sufficientemente asciutta anche dopo corse lunghe. In ultimo ho provato l'under armour, che a mio avviso rimane la migliore, non è facile da trovare a roma, si acquista su siti on-line, i prezzi sono più bassi della nike e dell'adidas  ha una qualità per me migliore, è una casa nata per capi militari, o meglio sotto combinazioni per militari come i marines e altri corpi speciali americani ed ora è da qualche anno sul campo per vestiario sportivo. La usa la nostra nazionale di rugby , ho provato sia la maglia che vedete in foto che i pantaloncini e devo dire che ho avuto ottimi risultati, non perde dopo qualche lavaggio la sua elasticità e confort e questo è importante, anche lei non basta a proteggerti dal freddo ma indossata sotto i vari tipi di pile che ho acquistato presso Decathlon, sono rimasto al calduccio senza soffrire di brividi di freddo o colpi di gelo allo stomaco perchè magari la maglia è diventata bagnata per il cattivo sistema dry-fit.
Bene a voi le vostre opinioni e diffondere i vostri indumenti invernali, perchè la corsa è bella ma correre con il freddo che ti insegue non è sicuramente un piacere.... ciaooooo

lunedì 17 novembre 2008

Check ORANGE


Ecco qua, ormai è fatta, sabato sono diventato ORANGE anche io, e sì è buffo come è nata questa bella amicizia, un giorno tramite un blog sono entrato in contatto con il GIAMPY, e da lì tutto ebbe inizio...

Tra un blog e un'altro è passato un anno, tra una corsa e l'altra, e al Passatore ci siamo incontrati insieme ad altri blogtrotters e la nostra amicizia si è così rafforzata, adesso il GIAMPY dovrà mettersi ai ferri, un check-up completo che gli permetterà in seguito di tornare a sgambettare con gradualità, per ora dovrà solo pensare a rimettersi in forma e poi attezione tornerà in pista.
Il suo spirito però è sempre in mezzo a noi, non c'è gara o riunione dove lui non sia presente, e per quanto mi riguarda è un grande, quindi la maratona di firenze la dedico a lui, a questo mio amico al quale sto diventando molto legato...
Caro GIAMPY me La corro per te....
PS: Ma ci pensate che strano, tutti i giorni quando mi alzo in volo vi rombo sulla testa..... Quindi quando sentite un rombo sopra a COLONNA bhè sono io.... IL MOTTO: CHECK ORANGE!!!

sabato 8 novembre 2008

Un buon allenatore

Ciao, è un periodo alto e basso per il sottoscritto, un pò dovuto al lavoro un pò dovuto ai miei allenamenti che sono frequenti ma senza un target prefissato. A firenze verrò ma credo che sarà una maratona di allegria, turistica la definizione più corretta, non sono nella mente di correrla per un obbiettivo, quindi me la voglio godere in spensieratezza. A proposito sapete dirmi dove andare ad alloggiare, che ancora non ho cercato alberghi?
Bene, come dice il titolo del mio post, in questo periodo mi sono fatto aiutare dal mio nuovo allenatore il Compex, mio papà reduce da un brutto incidente in auto, tempo fà prese questo elettrostimolatore, sotto consiglio del suo fisioterapista, devo dire che il suo lavoro lo fà bene, utilizzato per togliermi il fastidio alla mia caviglia e per mantenermi i muscoli in forma è uno strumento funzionante. Certamente non riesce da solo a darti tutti i benefici di un allenamento mirato e reale, ma è un buon supporto nei momenti di magra o di poca voglia e soprattutto quando hai dolori e da recuperare duri allenamenti.
Bene un forte abbraccio a tutti voi.... a presto con affetto ER MARIONE!!!

sabato 4 ottobre 2008

Dolori

Hola!!! Alla fine ho avuto una Tendinopatia Achillea, in pratica un'infiammazione al tendine del tricipide della sura, il più grosso dei muscoli posteriori della gamba, che trasmette l'impulso al piede nella fase di spinta e ammortizza nella fase di appoggio cioè l'atterraggio -anche qua il volo mi perseguita.
Secondo il medico con tutta probabilità la colpa è stata delle scarpe che ho usato, che erano scariche e quindi poco efficaci per la meccanica della corsa, così avevo un dolore ai primi passi al mattino, e un dolore che inizialmente scompariva con i primi passi di corsa ma poi ricompariva dopo gli allenamenti.
Cure che ho ricevuto; un anti-infammatorio, una pomata in schiuma e ghiaccio, inoltre mi ha indicato degli esercizi specifici da fare con uno scalino e la tavoletta per rinforzare le caviglie.
Oltre a questo per far riposare la caviglia e il tendine, dei rialzi da inserire all'interno della scarpa nella parte posteriore.
Ormai sono in fase di guarigione e quindi finalmente posso riprendere i miei allenamenti con tranquillità - all'anonymus che voleva sapere come il mio collega ha curato lo sperone calcaneare, lui l'ha risolta con dei plantari specifici che sono di supporto e di scarico dell'arco plantare, inoltre ha cercato, riuscendoci, un miglioramento della tecnica della corsa.

domenica 28 settembre 2008

C'è chi viene c'è chi va!!!!

Colonna ore 10.15 circa passa il mito, Giorgio Ultra-Men ormai definito, non c'è niente da fare nelle gambe ha due motori, e ovviamente va a vincere in 31minuti la 10km di colonna!!!
Bene, detto questo sono contento che almeno ero presente per salutare tutti i miei amici blogger, ero reduce da una settimana infernale di lavoro, Cameroon, Messico, Bermuda, Santa Monica con fusi orari che ancora mi inseguono e quindi non ero in condizioni fisiche e psicologiche per correre. Mi dispiace di non poter essere stato con voi ieri sera e oggi, giornata in cui scrivo, ma credetemi facevo fatica a stare in piedi, infatti oggi mi sono fatto la SIESTA, alla messicana e adesso che sono sveglio eccomi qua a scrivervi.
E' stata una giornata per me comunque fantastica, la gara vista da spettatore mi ha regalato emozioni bellissime, 1400 concorrenti incredibile, elicottero in volo ( anche se Giampy la prossima volta prendiamolo un pochino più grossetto che se veniva il temporale se lo portava via....ah ah ah scherzo ), e quindi un BRAVI a tutto lo staff degli ORANGE che hanno organizzato una gara bellissima.
I BLOGTROTTERS siete stati grandi, la MONICA era arrabbiata perchè ha chiuso in un ora, ma Monica qua c'era la salita a Dublino ci sono le nuvolette che non ti abbandonano quindi sentieri diversi, ma sei stata bravissima, Mathias sei un grande, Marco mi raccomando vai ai campionati mondiali di Ultra quindi diamo testa a Giorgio che sta diventando come Michael Schumy che vinceva sempre lui e così ho smesso di vedere la formula uno, visto che vinceva sempre.
Bene con questo, mio titolo del post colgo l'occasione di dire che per me questo mio periodo è stato bellissimo, ho macinato km sia per terra che per aria, visto il mio lavoro, ma la fine dell'anno mi ha portato notizie nuove lavorative che mi porteranno sempre per aria ma con uno spirito diverso, visto che per due anni sarò assegnato al centro addestramento equipaggi, quindi ho deciso che cambierà tutto anche la mia società, da questo mondo virtuale è nata un'amicizia molto bella tra me e giampy ed ezio e quindi sono orgoglioso e contento di entrare a far parte della loro famiglia degli Orange.... quindi occhio che arrivo. Certamente ci vedremo con l'Uscuro, Paolino e gli altri in giro per le maratone di roma e  magari anche d'italia se parteciperanno anche ai fuori area, oppure nelle strade mentanesi, anche se ultimamente i miei allenamenti mi portano a tor- vergata o a saxa - rubra dopo gli orari di lavoro.
Un abbraccio a tutti a miei amici dell'atleticousip, e un grosso abbraccio ai miei amici di merenda Giampy ed Ezio ai quali voglio veramente un gran bene!!! Un bacione a tutti!!
PS: Giampy ed Ezio ci sentiamo poi telefonicamente, alla 30km di Ostia sarò dei vostri!!!

lunedì 22 settembre 2008

Ah CIAOOOOOOOOO!!!

Ciao ragazzacci, anche se il ragazzaccio sono io!! Sono tornato per fare un urlo e per dirvi che sono vivo, lo so, lo so, sono sparito per un pochino ma ho avuto impegni di lavoro che ancora non sono finiti, domani parto vado in cameroon, poi torno e vado in messico e la settimana scorsa ero in spagna, il Giampy e super informato su i miei movimenti, mi fa da segretario... ah ah ah ah!!!
Detto questo però le scarpette sono sempre dietro, tutti sappiamo che ovunque siamo la corsa è l'unico sport che permette di essere dall'altra parte del mondo e conoscere dei runner come noi, infatti in spagna sono andato a correre al parco vicino plaza de mayor e mi sono divertito un sacco, anche se i primi giorni che correvo, facevo fatica poi ho capito e mi sono ricordato che madrid rispetto a roma è 680piedi sopra il livello del mare, contro roma che è 27piedi sopra il livello del mare quindi ho capito la differenza e capito il perchè faticavo leggermente di più.
Ho partecipato alla Human race della nike, dove ho fatto un buon tempo 43,45 ho avuto una buona media di 4,12 - 4,13 al km, solo i primi 5km ho avuto 4,45 dovuto all'imbuto che si è creato su i fori imperiali dove sempre mettono le strettoie, poi magari un giorno dovrò trovare qualcuno che mi spiegherà il perchè come anche nella maratona di roma, fanno partire e poi creano le strettoie dove ci si ferma e si cammina per poi riprendere a correre, sembrano due partenze.
Bene ci vediamo a colonna, non ho idea se correrò, perchè sarò reduce da due settimane di lavoro infernali ma soprattutto dal rientro dal messico e quindi ho il fuso orario da smaltire, ma ho promesso al Giampy che se sarò in forma, quindi non rimbambito sarò con voi nel mucchio!!!
Un urlo a tutti e viva gli Orange, e un abbraccio forte ai miei grandi amici Giampy ed Ezio!!
PS: Dico a voi due, ricordatevi la...............100km vi aspetta........

martedì 12 agosto 2008

E moh so c...........!!!!


Bene, bene, bene.........che fate? Vi siete calmati? Non correte più, facendovi cullare dal sole estivo, dall'afa, dalla brezza marina che di sera vi rinfresca il corpo?
E nooooo!!! I runners non si fermano davanti a nulla, l' asfalto anche se fuma, bruciante dal sole estivo, non può fermare un runner. Occhio che io corro, non ho mai smesso, anche se il caldo mi uccide e in certe giornate torno a casa che vorrei abbracciarmi il pinguino de-longhi, mi metto le mie scarpette e parto.
In questo periodo ho solo un problemino che mi perseguita da un mesetto circa, un dolore alla caviglia destra, quando la mattina mi sveglio faccio fatica a scendere le scale di casa, è come se la parte posteriore del piede ( per intendersi il tendine di achille ) abbia bisogno di scaldarsi un pò prima di diventare elastico, è un fastidio non è proprio un dolore, lo sento anche quando provo a muovere il piede verso l'interno, per indendersi quando cerco di girarlo verso l'interno coscia. Non ho idea da cosa possa dipendere, se dalle corse in salita o da una storta che magari ho preso, o dalle scarpe nuove che magari sono leggermente più pesanti e ammortizzanti, fatto sta che quando inizio a correre sono handicappato per i primi minuti poi scaldandosi inizio a rodare e a correre fluido.
Bene occhio che vi tengo sotto controllo..... quindi non sollazzatevi!!! Un bacio a tutti!!
Giampy sono contento che forse saremo nella rivista di men's health, ma tu quando corri? AH, AH, AH, AH, AH..... ti voglio bene, ragazzaccio!!!

domenica 27 luglio 2008

Vacanza



Ciao a tutti, come state?

Io sono in vacanza non ho smesso però di allenarmi, sia su due ruote ( i miei due cavalli, le gambe ) sia su quattro ruote come potete vedere, la quad. Un divertimento assurdo, siamo andati sulle strade di Montieri nelle colline toscane - http://www.75avventura.com/ - con simone la guida locale e ci siamo divertiti un mondo, salti, sgommate, salite, discese, abbiamo mangiato polvere fino alle ossa, la foto finale per come eravamo conci non l'abbiamo fatta, avevamo gli occhiali disegnati sul viso. Un luogo, Montieri, nella pace più totale, silenzio, aria fresca, mangiare casereccio e maremmano, cinghiale, lardo di collonata, salsiccia di cinghiale, pecorino con miele, bruschette ai porcini, insomma alla faccia di mesi e mesi di allenamento, controllo dell' alimentazione ecc, ogni tanto ci vuole, vero Monica?

Però la nostra passione il Running non mi ha mai abbandonato, mi sono allenato spensierato, senza ossessioni di orario, tempi e sedute di scatti, ma godendomi il paesaggio toscano, a grosseto al velodromo, lungo la ciclabile che collega grosseto con marina di grosseto, con l'arietta fresca che mi accarezzava la pelle e con il sole che accompagnava i miei passi. Ho comprato anche le pappe nuove, in località Grilli c'è un mio amico che ha un negozio sportivo, accessoriatissimo di scarpe da running, anche lui come noi è un runner e così sono andato a trovarlo e mi sono portato via le nuove Nimbus 10:



fantastiche, leggere, ammortizzanti, sono delle pantofole, l'asics ha migliorato notevolmente questa scarpa raggiungendo un livello al momento ineguagliabile. Io sono un'amante delle asics e della mizuno ma questa scarpa è veramente ottima, prezzo al pubblico 165 euro, ma non compratele se non ve le scontano del 30% quindi prezzo per noi runner di 130 euro come l'ho acquistate.

Un altro modello che ho provato è stato la saucony progrid paramount, un'altra scarpa fenomenale, come fenomenale è il suo prezzo però 220 euro, scontata 170 euro, usa materiali all'avanguardia come il carbonio per la suola ecc, ma ha un prezzo un tantino esagerato, fermo restando che il mio amico negoziante mi ha raccontato che si vende, durata della scarpa? come tutte le altre, secondo il suo giudizio.

Bene, un'altra cosa che vi volevo raccontare è che se andate sul sito della Asics, http://www.myasics.it/ grazie alla collaborazione di questa esperta casa sportiva e medici specialistici coordinati da Enrico Arcelli, insieme ai nostri master Stefano Baldini e Laura Fogli, che risponderanno anche ai nostri quesiti, è possibile una volta registrati avere un nostro programma on line gratuito di allenamento per raggiungere un nostro obbiettivo o per mantenersi semplicemente in forma. Io l'ho già creato, obbiettivo? firenze 2008.... and you, are you ready?

Bye Bye

sabato 5 luglio 2008

Ciro fa caldo!!!!



ROMA - Caldo record per l'ultima decade di maggio al centro-sud Italia, nuove piogge in arrivo al nord, roghi (molti dolosi) in Sicilia e un ferito grave. A Roma martedì si sono toccati i 33,2 gradi, ha reso noto Franca Mangianti, responsabile dell'Osservatorio meteorologico del Collegio romano - temperatura record della terza decade di maggio dal 1782 a oggi. Valori tra i 33 e i 35 gradi sono stati registrati nelle altre stazioni meteo della capitale e nel resto della regione, con punte anche superiori nelle zone di pianura interne, come testimoniato dai 36 °C registrati a Guidonia o dai 34 di Ciampino.

Ebbene si, ancora una volta ricavo qualche articolo della settimana scorsa, quando da Runners esauriti che siamo abbiamo partecipato alla mezza notturna. Leggo nelle riviste di sport suggerimenti vari per correre con il caldo, ognuno dice la sua, sembra quasi la pubblicità della vodafone "bla-bla-bla-bla". Ma il caldo c'è, inutile negarlo, inutile nasconderlo, inutile insistere e correre con questo clima è decisamente molto ma molto impegnativo per il nostro organismo. I muscoli producono calore, se si è esposti al sole la temperatura interna tende a salire ben oltre i 37° che rappresentano la normalità. Questo rialzo non sarebbe preoccupante se fosse contenuto entro certi limiti, sotto certi punti di vista un leggero rialzo favorirebbe la prestazione, e ciò perchè nei nostri muscoli entrerebbero in gioco alcune reazioni biochimiche che portano alla produzione di energia. Ma al di sopra dei 39° o dei 40° cominciano a manifestarsi alcuni disturbi, anche molto seri, addirittura mortali in casi estremi.
Il nostro corpo così deve combattere per mantenere la temperatura a livelli ottimali usando due meccanismi: raffreddandosi con l'aria o con l'acqua. Il primo è dato dal contrasto pelle/aria, l'organismo suda ed entrando in contatto con l'aria il sudore raffredda la nostra pelle, ecco perchè siamo sempre alla caccia del famoso "spiffero d'aria" ed ecco perchè d'estate l'abbigliamento si riduce al minimo, per la gioia di noi maschietti quando capita di vedere qualche bella runner femminile. Il raffreddamento ad acqua invece è la perdita di calore per Evaporazione del sudore. Quando facciamo attività, anche a basse temperature dopo un po' le nostre ghiandole cominciano a sudare e quello che evapora è utile per l'abbassamento della temperatura corporea. Ma cos'è che entra in gioco durante questo scambio, l'UMIDITA'. Più l'aria è umida meno questo scambio avviene - ecco cosa è entrato in gioco sabato scorso alla mezza maratona di roma edizione 0.  Se la temperatura dell'aria è alta e quindi è ridotta la quantità di calore che viene persa con convenzione e le difficoltà aumentano con la presenza di alta percentuale di umidità. In queste condizioni alla pelle arriva molto sangue per aumentare la temperatura, nel frattempo viene prodotto sudore in quantità notevole una bassa percentuale evapora e il rimanente impregna gli indumenti ( esempio le mie scarpe stra-zuppe sabato alla mezza ) e in linea di massima l'acqua presa dall'esterno con le bevande non è in grado di compensare quella persa con la sudorazione. Si può arrivare a gradi alti di disidratazione e al colpo di calore. Detto questo ecco perchè è sconsigliato correre in certe condizioni con temperatura elevata ma soprattutto se accompagnata da alti tassi di umidità. L'attività in queste condizioni è sconsigliata a tutti ma a maggior ragione a chi ha appena iniziato ad avvicinarsi a questa disciplina.
Bene quindi buon "esta-thè" Aho ciro fa caldo!!!!!


domenica 29 giugno 2008

Una Mezza da Sahara!!!

Il terzo sono io, con la maglietta gialla!!! Ancora mi reggevo nelle gambe, dopo crollo totale!!
"Roma e Latina 2 città a Livello Rosso allarme 3 per temperature ed umidità che saranno 34°-35° 61% e oltre di umidità"
Bene ho voluto scrivere ciò che ieri era su tutte le testate dei giornali per dirvi che a mio avviso, e l'ho provato sulla mia pelle, è stata tremenda la prova che ieri sera ha fregato 3000 concorrenti alla prima edizione della Mezza Maratona notturna.
Sinceramente con il senno di poi non dovevo correrla, tempo fa su un mio post "I-Pod è doping" scrivevo che durante la Maratona di Chicago ed altre, accadde che i concorrenti caddero letteralmente stremati dal caldo e dal tasso di umidità che li colpì durante il percorso, alla fine i giudici dovettero sospendere la gara, centinaia i ricoveri e due morti.
Io non credo affatto che ieri sera si dovesse correre una corsa, mi rammarico e rimango stupito che i giudici con un allarme a livello 3, protezione civile allertata a 360°, abbiano dato il via alla gara. Noi Runners si sa non siamo del tutto normali, in certe occasioni la voglia di sgabbettare supera i nostro livello di intelligenza che in quel caso si riduce allo zero. Tutti, tranne quei pochi che probabilmente non hanno tempo di allenarsi nelle ore più fresche, sono stati colpiti da cali di pressione e malessere generale e tutti al mio arrivo sentito commentare "Micidiale non se pò fa, sono cretino, pazzesco" ecc, ecc.
Io stesso, alla fine sono dovuto andare al pronto soccorso, chiappa sinistra un antispastico e poi nel mio rientro a casa, dove continuavo ad avere forte nausea, chiappa destra plasil per fermare la nausea con il senso di vomito.
Ieri ho odiato la mia voglia di correre, ve lo garantisco, mi sono letteralmente arrabbiato con me stesso perchè intorno al decimo km sentivo che la cosa non andava, che c'era una condizione climatica non accettabile ma ho continuato, scarpe, maglia tutto zuppo come se avessi corso sotto la pioggia, non si può e non credo affatto che l'anno prossimo parteciperò di nuovo ad un evento del genere e così se dovesse capitare in qualsiasi altra città dove umidità e temperatura saranno simili a ieri sera.
Nota positiva in tutto questo è che sono stato con i miei amici Bloggers, Giampy, Ezio, Uscuro (ovviamente lui non ha risentito del caldo ma è un caso a parte) e tanti altri amici che con loro ho trascorso la prima parte della serata, scherzando ecc.
Alla fine il Giampy si è pure divertito, vedendomi a "cavacecio" piegato in due dalla stanchezza, a prendermi in giro amichevolmente " fai, fai la passatore vedi poi che ti succede", non avevo nemmeno la forza di rispondergli, ma Giampy, Giampy capiterà la volta che ti metterai un paio di scarpette e ti darò una forte pacca sul sederino e poi ti aspetterò al traguardo con l'asciugamano per il sudore, ah ah ah ah, a parte gli scherzi ero veramente cotto e la Passatore è stata una passeggiata in confronto al malessere generale che mi ha colpito ieri sera.
Bene ho imparata la lezione, spero che la prossima volta i giudici ci pensino prima di dare il via ad una gara con quella temperatura ed umidità.
Ore 01.23 temperatura esterna 27°, umidità del 60%!!! e la gara era finità per me da circa 45 min, non oso pensare quando fosse prima!!!
Ciao a tutti amici miei!!! 

venerdì 20 giugno 2008

Runners!!!



Ciao, ho messo questo video che è veloce come una corsa, forte!!!
Runners, è un modo di vita, runners è il modo con cui affrontiamo la vita, da un post del mio amico di squadra Master Runner, ritengo proprio che le sue parole scritte siano giustissime.
Ho fatto sempre sport nella mia vita, sin dalla mia giovane età e la cosa che non mi ha mai appassionato è stato quando questo inizia a diventare un ossessione e questo accade soprattutto quando un allenatore, un coach, un istruttore o a volte noi stessi, non troviamo più il piacere di correre ma, ad ogni allenamento, gara o altro dobbiamo per forza raggiungere un obbiettivo e se ciò non accade, ci arrabbiamo, torniamo a casa delusi e nervosi.
Di gare ne ho fatte abbastanza e quindi posso dire la mia come tutti voi, ma anche colui che partecipa per la prima volta ad una sua gara credo che possa dire la sua, in quanto comunque ha alle spalle mesi di preparazione che gli hanno fatto capire cosa significhi questo sport e il piacere che esso gli ha regalato, giorno dopo giorno, affrontando l'asfalto. 
Essere un runner nell' era moderna è uno stile di vita, girando i vari blog vedo che tutti noi siamo con delle caratteristiche simili, in primis la sensazione di libertà che questo sport ci regala quando indossiamo le nostre scarpette, poi la voglia di girare, corriamo a casa nostra come "fuori area" e approfittiamo di una manifestazione per girare il mondo, ci godiamo i panorami dei vari luoghi dove andiamo a correre e ci piace conoscere nuovi runners come noi ed ascoltare le loro gare, le loro sensazioni, scambiandoci le nostre esperienze.
Questo credo significhi essere un Runner e soprattutto un Runner amatore, e voi?


sabato 14 giugno 2008

Jump!!!



Jump -Jump!!!

Ciao di nuovo a tutti, ormai il SALTO è fatto!! Sono di nuovo partito a correre dopo una settimana di meritato riposo e le gambe non sono più le stesse, dopo 14 ore di corsa ormai farsi una maratona o una mezza è un salto piccolo!!!

Per dare vita alle ripetute, mi sono creato un nuovo ritmo e con il mio MAC utilizzando Garage Band mi sono creato delle playlist tipo Lento - Veloce utilizzando il run to run 20sec - 30 sec. Inoltre ho trovato, se vi può interessare un programma completamente gratuito, Bea Tunes ( esiste sia per MAC che per Windows ) che in pratica vi analizza tutte le librerie dell' I-Tunes in formato BPM e poi potete così selezionare quelle più corrette per il tipo di allenamento che volete svolgere.

Insomma ho fatto il JUMP, corro con un metodo diverso, mi diverto e i miei nuovi programmi sono in arrivo, per adesso ci vedremo alla mezza di roma notturna dove accompagnerò una mia amica, che partecipa per la sua prima volta, quindi sarà una corsa in souplesse.

PS: Il mio JUMP : per la mezza maratona per allenare il mio fisico al mantenimento della performance vicina alla soglia anaerobica, ripeto alla mezza di roma non correrò forte!

Allenamento a giorni alterni ( 2 volte a settimana ) 13km a 4.30km

  • Ripetute: in pista 1.600mt x 4 ( sono 4 giri di pista il recupero è pari al tempo impiegato nella prova appena conclusa )
  • 3.000mt + 1.500mt + 800mt + 800mt ( con lo stesso recupero di sopra )
  • da 6 a 10 ripetizioni di 1.200mt suddivise in 400mt a CRF 400mt CRLI 400mt CRI recupero 3 minuti in souplesse.

Hola a tutti!!!

domenica 8 giugno 2008

L'ultimo CLICK!!!


L’ultimo “CLICK “ perchè partecipare alla 100km

Il 2 Ottobre 2007 ho compiuto 40 anni e da tempo avevo l’obbiettivo di preparare una maratona, la mia prima maratona, da correre “ nell’anno dei miei 40” giusto per festeggiare!
Lavorando a Roma, la cosa più logica appariva prepararsi per la maratona di Roma 2008, da correre a Marzo, che con 4/5 mesi di preparazione, appariva un obiettivo ragionevole, purtroppo il 10 dicembre 2007 un intervento chirurgico (ernia inguinale + emm….) mi ha impedito di allenarmi adeguatamente per quasi 3 mesi ….quindi, obbiettivo maratona di Roma 2008 ….da accantonare!

Come se questa limitazione fisica non bastasse, a farmi sentire ancora più frustrato e nel contempo ispirato, nel perseguire i miei obbiettivi atletici, era l’esempio del mio amico e collega Marione che aveva partecipato alla 100Km del Passatore 2007.

Pensavo: “….Marione ha partecipato alla maratona del Passatore 2007 insieme ad Angelo che l’ha pure portata a termine (Angelo è un altro illustre appartenente all’ Arma Azzurra che come me e Marione lavora a Ciampino)….. che MITI! …100Km! Ah… Dante non ci pensare! Una mezza maratona è una cosa, ma una maratona,…. oppure 100Km!! per uno come te è davvero troppo!”

Nei primi giorni di febbraio ho iniziato qualche allenamento post-intervento “corrichiando” di nuovo per circa 40/50 minuti per volta e mentre mi allenavo, una fantasia ricorrente cullava i miei pensieri e mi dava la grinta per correre senza sentirmi affaticato, questa fantasia era l’ambiziosissimo obbiettivo di partecipare alla 100Km del Passatore 2008. Consideravo l’idea di partecipare alla 100km del Passatore un obbiettivo, talmente ambizioso, da provare un certo senso di vergogna, anche al solo pensiero di confidarlo ad amici, colleghi e parenti.

Visto l’esito positivo delle prime corsette di febbraio ho deciso di “buttare li” una Romaostaia senza pretese, con il solo intento di chiudere senza farmi male, piano piano, ascoltando e valutando attentamente tutte le sensazioni, ed i feed-back del mio corpo, reduce da circa due mesi da un intervento chirurgico. L’ esito della Romaostia, è stato positivo, poco sotto le 2 ore, ma soprattutto senza nessun risentimento fisico, QUINDI BENE!

Nel frattempo siamo verso la fine di febbraio, e l’idea di partecipare alla 100Km del Passatore 2008, che fino alla Romaostia, era solo una dolce fantasia che compensava le mie frustrazioni per non poter partecipare alla maratona di Roma, sta per diventare un tarlo un ossessione di cui non riesco più a liberarmi.
Inizio a dare qualche timido sguardo al sito internet della 100km, inizio a prendere visione del regolamento, e di quelli che sono i presupposti minimi, in termini di preparazione atletica e psichica, per poter partecipare.
Tra tutte le qualità atletiche indicate per superare una prova simile, forza, capacita aerobica ecc, e le modalità per acquisirle, mi colpisce una qualità che vuol dire tutto e niente, …….la FORZA DI VOLONTÀ!

Ripenso al mio passato e ai risultati sportivi e non, che sono riuscito ad ottenere col passare del tempo, e mi accorgo che una costante mi ha sempre portato al raggiungimento dei miei obbiettivi, purché si trattasse comunque di obbiettivi basati su presupposti ragionevoli, tale costante per me è sempre stata la determinazione, meglio nota come forza di volontà, qualità che più che risiedere nei muscoli si trova nelle mente, nella “testa” di ognuno di noi.
Sempre ispirato dal pensiero, riguardante la forza di volontà, decido di dare uno sguardo alle modalità di iscrizione on-line per la 100km del Passatore 2008, …. Realizzo che avrei tutto quello che mi serve per iscrivermi on-line! faccio una prova di compilazione dei documenti,tutto ok, mancherebbe solo l’inserimento del numero di carta di credito e senza ulteriori impicci sarei iscritto, e penso tra me…..però, facile iscriversi anche da casa con pochi “CLICK”!
Forse però dovrei pensarci su ancora qualche giorno…… ma Febbraio ormai e finito…. e se decido di partecipare a questa edizione della maratona del Passatore ormai sono al limite per portare a termine una preparazione che considererei appena sufficiente, sempre tra me penso….cosa faccio? Infondo dicono che di f. di m. non è morto mai nessuno! ….e se dovessi arrivare anche solo” alla colla” avrei percorso più del doppio della distanza che abbia mai percorso a piedi fino ad oggi ! Quindi sarebbe comunque un obbiettivo dignitoso!

Dopo tutte queste elucubrazioni decido di mettere i “numerelli” della mia VISA sul certificato di pagamento di 40€ per l’iscrizione alla maratona del Passatore 2008, manca solo un “CLICK” sul tasto di conferma di pagamento e poi sarei iscritto, penso ancora 3 secondi tra me …..solitamente Dante, sei uno smanettane con il computer come mai ci pensi tanto? ho l’indice pronto sul tasto sinistro del mio mouse, sono le 22.30 e poco lontano da me mia moglie sta guardando la TV sul divano, la guardo e penso …..Le chiedo un consiglio? supero l’ultima incertezza avverto quasi un brivido sulla schiena e senza chiedere niente a nessuno …. faccio il “CLICK “ finale confermando il pagamento.
Ora sono ufficialmente iscritto alla 100Km del Passatore 2008 ! Il giorno dopo lo comunico a Marione, sul blog, dicendogli che …ora mi tocca!

Ora non mi resta che allenarmi, ho ancora molti dubbi relativi alle mie condizioni atletiche, tuttavia gli allenamenti procedono seguendo un programma molto basico ma rigoroso, nei mesi di marzo e aprile mi sono allenato 24/25 giorni su 31/30 il tutto in attesa del grande giorno, sabato 31 maggio,quando incontro Marione al lavoro parlo e mi confronto con lui, cercando di aggiustare preparazione e alimentazione.
Allenarsi per distanze così lunghe, è difficile e richiede molto tempo a disposizione per affrontare “lunghi” estenuanti, alla fine dei quali ti chiedi, ma dopo tutta questa fatica se oggi fossi la in gara non sarei neanche arrivato al passo della Colla e poi avrei altri 50km da fare e ti chiedi….. ma sono certo di quello che vorrei fare? dove troverò la forza per continuare? ..speriamo sia vero che l’atmosfera di gara ti dia la forza necessaria per andare fino a Faenza!

Poi finalmente è arrivato il grande giorno, sabato 31maggio…. si parte incomincia la gara.
Purtroppo è andata male dopo appena 12 Km mi sono dovuto ritirare (che delusione quante fantasie mal riposte ) un forte dolore alla caviglia sx mi ha costretto al ritiro…che F. DI M.

“SCHERZETTO” ! Tutto è andato a lieto fine sono arrivato a Faenza in 14 ore 51 minuti e 37 secondi senza nessun dolore eccessivo.
E’ andata come me l’aspettavo, quando sono arrivate le crisi, mi ha fatto andare avanti la forza di volontà ed il conforto dei miei amici Pippo Angelo e Marione.
All’ arrivo ho telefonato a mia moglie Tatiana (che ringrazio per aver sempre avuto fiducia in me e per aver sempre appoggiato questa mia “impresa”, anche quando ho sottratto tempo prezioso alla famiglia per allenarmi) le ho detto che stavo bene e provavo una soddisfazione immensa, indescrivibile, ma che in futuro non avevo intenzione di partecipare ad altre edizioni della 100Km,………. qualche ora più tardi …da inguaribile sognatore, sul treno per Firenze, con Pippo Angelo e Marione, stavamo gia pensando a come, il prossimo anno, si potrebbe migliorare il record personale ottimizzando la preparazione o anche solo “limando” qualche minuto durante le soste ai ristori ……..d'altronde un dilettante si deve attaccare proprio a tutto!

Dante

giovedì 5 giugno 2008

Piano, Piano!!!


Ebbene si ricomincia, piano, piano, iniziamo a riprendere a correre. Sono contento di leggere dai commenti che vi siete divertiti con le nostre avventure, perchè di avventure si tratta e aldilà dello spirito competitivo, l'importante è DIVERTIRSI.

In questi giorni curo i miei piedini che sono stati sufficientemente sollecitati, non ho potuto a causa loro, partecipare alla gara di 12km della mia società ( siete stati fortunati - dopo 14 ore e 22min vi garantisco che volo su una 12km ) ma, purtroppo non riuscivo a correre. A fine giugno sarò alla prima edizione della mezza maratona di roma in notturna e, dalla settimana prossima, inizierò nuovamente ad allenarmi, con uno spirito diverso però!! Si perchè, dopo che hai fatto la 100km della Passatore qualcosa cambia, cambia il modo di vedere la corsa, cambia il modo di affrontarla e cambia il modo di affrontare le prossime gare, in cui capisci la differenza tra una gara classica come la maratona e un'ultra!!

La cosa che ha colpito tutti noi, è stato lo spirito di collaborazione di tutti, la solidarietà che ha unito noi concorrenti con tutta l'organizzazione. Al palazzetto c'erano volontari che erano in piedi dalla sera del giorno prima, ora in cui è arrivato il primo concorrente ( Calcaterra in 6 ore e 37 min ) e queste persone erano ancora con il sorriso e la calma che le caratterizzava dopo quasi 24 ore passate in piedi, a dare conforto e sostegno fino all'ultimo concorrente. Questo è quello che rimane, oltre alla gara di per sè, come ricordo di due giorni dedicati allo sport e all'amicizia e alle chiacchere con delle persone volonterose e orgogliose di essere di aiuto e presenti ad una manifestazione unica nel suo genere!!!
Un saluto a tutti, ora un pizzico di silenzio è doveroso, ci sentiamo prossimamente con l'inizio di un nuovo capitolo!!!!
Hola a tutti quanti!!!!

mercoledì 4 giugno 2008

E ora ridiamo un pò!!!!

Bene, il titolo è legato a tutto quello che è successo dopo la Passatore.......... perchè voi non sapete cosa poteva capitare dopo 100km, e sì, l'avventura non finisce!!!


Dopo un meritato riposo, due massaggi, doccia e colazione, partiamo con il pulmino dell'organizzazione alla volta della stazione. Una volta arrivati alla biglietteria, riceviamo la notizia che hanno soppresso i treni per firenze per uno sciopero della Regione Toscana ( io sono toscano ) quindi non potete capire la rabbia per non scrivere parole più volgari. E ora? Come facciamo? Abbiamo la macchina a Firenze....telefonata al Giampy, per chiedergli gentilmente se hanno possibilità di raccattarci ( nel vero senso ) per portarci a Firenze. Giampy ci risponde che non ci sono problemi, però partiranno nel pomeriggio. Pippo ha un impegno la sera quindi scartiamo la possibilità di partire con la Running Evolution, allora chiedo al Giampy se è possibile lasciargli la bicicletta, e la risposta è nuovamente sì!! GRANDE IL GIAMPY...Bene, decidiamo quindi di prendere il treno per Bologna e poi da Bologna per Firenze. Il Giampy arriva correndo - nel vero senso del termine - era in Piazza e correndo viene a prendere la bici, gli faccio fare un pò di allenamento, ( ridi Ezio, fai bene!!! ). Salutiamo il Giampy lo ringraziamo per l'aiuto e la cortesia e Pippo controlla se dentro la sacca della bici lascia nulla, insieme a me che ovviamente non sono a conoscenza di cosa ci possa essere di così importante a parte quello che ho a portata visiva, una camera d'aria, una bomboletta e un lucchetto. Si parte tutti contenti, prendiamo il nostro treno, saliamo, si mangia - la fame era tanta, quella non manca mai - e ci facciamo cullare dal tram-tram del treno. Sssh Ssssh Ssssh - Ronf Ronf Ronf, Cacchio, Noooooooo!!! ( l'imprecazione era un'altra ma per rispetto di scrittura non la uso, ma vi potete immaginare ) Noooooooo!!! Io mi sveglio e rivolgendomi a Pippo che bestemmiava, gli chiedo: si può sapera che cavolo succede!! che hai dolori al sedere!! Lui risponde: Le chiavi della macchina l'ho dimenticate sulla bici!! Io: non è possibile, e dove scusami - Pippo: dentro la sacca - Io: ma scusa l'hai controllata -Pippo: si ma erano in fondo - Io: C........... (avete capito la parola) ma come c.......... si fà, possibile che l'hai lasciate dentro la sacca, ma C......... (l'impeto del Maremmano verace è uscito) ora ti ci mando a piedi a Roma!!!. Gli altri nel frattempo iniziano a fare mente locale su cosa hanno lasciato sulla macchina di Pippo e ovviamente di tutto, dal portafoglio, ai santini, a qualche cambio, insomma di tutto, la macchina l'abbiamo lasciata presso la nostra scuola di formazione quindi in ambiente militare e custodito e perciò potevamo lasciare tutto ciò che non occorreva per la Passatore. Arriviamo a Bologna, dico a Pippo chiama Er Giampy e chiedigli se è ancora a Faenza, il povero Giampy preso atto della notizia viene nuovamente incontro a questo gruppo di disadattati e a Pippo che 100km senza la possibilità di sedersi sono stati veramente duri, pensate ad una bici che al posto della sella ha una CANDELA e fatevi una botta di conti, che goduria puòà essere!!! Bene, Pippo riprende il treno per Faenza, calcoliamo due ore tra andata e ritorno a Bologna, si cambia la prenotazione per Firenze e a quel punto, solo una cosa ci restava da fare, quale? Sdraiarsi sulle panchine e muretti e dormire, così, Er Marione prende la prima panchina libera, sistema le borse per cuscino e alza gambe e buonanotte, lo stesso fanno Dante e Angelo, quando dopo un oretta apro gli occhi avevo due Rom accanto a me, dovevo fare veramente pena, erano lì vicino a me, tranquilli che parlavano la loro lingua, io nessun problema basta che non mi rubino nulla, tanto da rubare non avevano niente a parte indumenti sudati da morire e quindi chiudo gli occhi di nuovo, mi sveglierò pochi minuti prima del ritorno di Pippo. Per concludere dovevamo arrivare a Roma verso le tre e mezza, quattro se andava tutto bene, siamo arrivati alle diciannove di sera....

Avventura conclusa, ecco la differenza tra avere un supporto fresco e non averlo!!! ;-)


( La Foto: Il riposo del Supporter - Pippo - che non ho mai avuto, ma è un grande lo stesso )

Grande Pippo, chissà se riesce a sedersi, ancora non l'ho sentito in questi giorni!!!!

martedì 3 giugno 2008

100km di PASSIONE ( 4° Ultima Parte )

Marradi!!! Siamo arrivati, tutti e quattro pippo compreso che ad un ristoro è riuscito a scroccare anche la pasta all'olio e peperoncino e parmigiano!!!

Angelo mi chiede come sto con il piede, e mi consiglia visto che c'è il pronto soccorso di farmi dare una controllata, ok andiamo a vedere, la mia testa mi dice però, costi quel che costi, prosegui!! Mi curano le vesciche, una abbastanza fastidiosa ( e l'ho sentita ) al mio piede sx e un'altra al piede dx, bene si riparte!!! Per colpa mia Angelo e Dante entrano in crisi, per aspettarmi perdono il mordente, ripartiamo ma Dante mi dice che non riesce a riprendere a correre, Angelo ha crisi di sonno, cerco di dirgli di muoversi: dai corriamo ragazzi, dai, dai, non possiamo fermarci, mettetevi la musica a palla forza, i miei piedi mi fanno male ma riesco a correre.

Niente non ripartono, camminano, Dante mi risponde vai, se ti senti di andare vai, Angelo mi dice lo stesso, non voglio lasciarli, ma a camminare sento più dolore che correndo. Li lascio, non ci crederete ma piango, ogni tanto mi guardo indietro, vedo le loro luci, gli urlo, ma non mi rispondono forse hanno gli mp3 accesi, le loro luci si fanno sempre più lontano, non li vedo più, spero di rivederli più avanti. Sono solo, ora non ho nessuno per andare avanti tranne il fatto che dietro di me ho lasciato due miei grandi amici!! Proseguo, supero altri concorrenti, li guardo con invidia perchè quasi tutti hanno qualcuno che gli dà loro supporto, sia morale che alimentare, sono tutti con amici in bici o familiari in macchina, che via, via li aspettano. La solitudine mi colpisce, mando qualche messaggio alla mia compagna, mi risponde, il cuore batte di nuovo, qualcuno è con me, lei non dorme è a casa, ma con il cuore è con me! La carica mi ritorna, le gambe iniziano a girare, 5.30km siamo a 22km alla fine, una mezza maratona, mi affianco ad una coppia di marito e moglie, lui accompagna lei per la prima sua volta, lei è stanca, insieme a suo marito cerchiamo di dargli la carica, termineranno assieme, mano nella mano in 15 ore 46 min quando li ho poi rivisti a Faenza la mattina. Io sto un pochino con loro ed una volta che lei si è ripresa, parto di nuovo, il loro ritmo è lento e se corro con loro il piede sx mi fà troppo male, di nuovo solo nel buio, si di nuovo la solitudine mi assale, ma l'sms della mia compagna arriva e io mi riprendo di nuovo, rispondendogli che la AMO e che questa corsa la dedico a lei!! 5.30km 5.00km, il cuore mi segnala battiti alti, le gambe ci sono ma lui mi segnala di rallentare 86/90% bpm, è troppo Marione devi rallentare, mancano ancora 16km alla fine e non sei fresco come una rosa, rallenta.





Ormai è fatta manca poco, ma ancora qualcosa deve avvenire 12km, lo stomaco mi inizia a dare dolore, ho i crampi, forse ho tirato qualche km troppo veloce e ho sbagliato. Mi fermo, cavolo, nooooo!!! I dolori mi spaccano, leggo 12 km 300 metri, noooooooo, non posso fermarmi ora, apro lo zainetto, cerco freneticamente l'enterogermina, la trovo e mi sparo 3 fiale, nel frattempo vedo le macchine e i camper degli altri concorrenti che aspettano i loro runner, e mi chiedo, perchè io non ho questo supporto!! Pippo mi chiama e mi dice che è negli spogliatoi a Faenza, beato lui, lo informo di quello che mi succede, e gli dico che forse mollo all' 88km, ho dolori atroci!! Vedo in lontananza due luci, forse sono i miei amici, aspetto e quando arrivano a portata visiva vedo che non sono loro, basta, l'enterogermina qualcosina ha fatto, ora basta devo arrivare in fondo e riparto.


Faenza: E' fatta, guardo il mio polar se non avessi avuto problemi serei riuscito a scendere sotto le 13 ore ma va bene lo stesso, ultimi km, sono interminabili, sono solo, solo davvero non ho nessuno davanti e in lontananza vedo due runners, inizia il vialone, mi fermo di nuovo, dolori allo stomaco nuovamente e al piede sx mi accorgo che ho sangue, lo vedo dalla scarpa deve essermi scoppiata la vescica del mignolo. Cammino, incontro un signore con il cane e gli chiedo quanto manca al traguardo, ormai non conto più i km, escludo il mio piede sx, la mia mente non mi fa sentire più il dolore, manca poco, in base alle informazioni che mi danno, meno di un km, prendo un'altra enterogermina e vedo un runners in lontananza davanti a me, lo raggiungo, mi affianco, camminiamo, gli dico che manca poco in base alle informazioni che ho ricevuto: dai andiamo, chiudiamola assieme!!!


Mi sento solo, avrei voglia di chiuderla con qualcuno, ma lui mi risponde che non ce la fà, proseguo di nuovo da solo, non ho nessuno che mi affianca, vedo l'arrivo, il mio cuore inizia a battere di nuovo, tum, tum, tum, 5 al km-4.30 al km, sento gli applausi dei pochi spettatori che sono lì ad aspettarci, ricevo un bacio dato con la mano, da una signora che porta il suo cane a spasso, e che mi dice: Bravo ragazzo, bravo!!! Forza!!

Taglio il traguardo della mia vita per un giorno ed una notte in: 14 ore 22 minuti 12 secondi!!!

LA DEDICO ad ALEX e a tutti voi che mi avete fatto compagnia nei momenti di solitudine!!! Grazie vi voglio un gran bene!!!

PS: La foto sotto la dedico al runner che nell'ultimo km ho incontrato e con il quale volevo tagliare il traguardo!! Ti ringrazio di quei metri di compagnia che mi hai regalato!!




UN GRAZIE AD ANGELO 14h36min a DANTE 14h56min e a PIPPO!!!

LA PASSATORE - Una corsa UNICA!!!!

100km di PASSIONE ( 3° Parte )

Scusate il ritardo!!!
Bene ripartiamo, io, Dante, Angelo, cambio effettuato, indumenti asciutti, decido di non cambiare le scarpe per non sollecitare il piede sx con diverse scarpe, anche se usate più volte durante le maratone. Angelo fà la lepre e imposta il ritmo, nel frattempo ricevo una telefonata di Pippo che mi chiede se alla Colla eravamo tutti ripartiti, la risposta è sì e, se ha bisogno di qualcosa, può trovare qualche capo asciutto dentro la borsa del mio cambio. Pippo è cotto, lo sento dalla voce, si rende conto che anche in bici è una corsa dura soprattutto se non hai un minimo di allenamento nelle salite. Noi, intando iniziamo a scendere, le luci delle nostre lampadine ci illuminano la strada, il silenzio ci circonda, io sento solo i nostri passi e la musica di sottofondo degli mp3 dei miei amici, sorpassiamo altri runners, sento i loro respiri, i loro passi, le loro fatiche e mi rendo conto che questa gara non ha nulla a che vedere con tutto ciò che ho affrontato, è una sfida dura da portare a fondo. Il mio piede sx si fa sentire, ma ci sono momenti in cui il dolore sparisce, decido quindi di proseguire, le mie gambe ci sono, non ho dolori, la mia testa c'è e lo sento, non ho bisogno di musica per caricarmi, mi basta sentire i miei passi e il mio cuore, che ogni tanto mi segnala che è lì con me, perchè il polar mi suona. Non posso ritirarmi, addirittura potrei anche spingere, ma il piede non riesce a sostenere un passo più veloce di 6 al Km, Angelo decide di spezzare i ritmi in 2km di corsa 1km di camminata veloce, accettiamo tutti, io in particolar modo visto il breve sollievo che riesco ad ottenere diminuendo il ritmo. Pippo è ripartito, mi arriva un sms, ad un tratto si sente il sibilo di ruote sull'asfalto ed è lui: evviva siamo di nuovo tutti, ci racconta che non riesce a sedersi sulla sella e dovrà proseguire per i successivi 40km in piedi, ci mettiamo tutti a ridere, l'allegria ci sostiene, ci prendiamo in giro e pippo ci racconta che forse anzichè dimagrire ingrasserà, poichè non aveva perso nessun ristoro fino adesso. Ci lascia e prosegue, tanto ai vari ristori l'avremmo rivisto, bene si prosegue, incontriamo il signore che vedete in foto, partito alle nove del mattino da Firenze e che ogni anno la cammina con un segnale da mandare a tutto il mondo e quest'anno decide che è "LA FAME" ( proprio in questi giorni a Roma c'è l'incontro alla FAO con tutte le delegazioni mondiali ). Gli chiediamo se è un concorrente e la risposta è: Non lo sono, la cammino tutti gli anni perchè mi piace, m rilassa!!! Noi rimaniano stupiti da questa sua risposta, perchè la fatica si fa sentire e perchè di rilassante non riusciamo a trovarci nulla, ma ritorniamo allo stesso pensiero, questa corsa è una corsa particolare vissuta e partecipata dai runners in modo particolare.

PS: Foto dedicata a Pippo - La prossima volta lasciaci qualcosa da mangiare. Leggete il cartello!!!
se non riuscite a leggerlo c'è scritto: i ristori sono esclusivamente per i concorrenti!!!





lunedì 2 giugno 2008

100km di PASSIONE ( 2° Parte )


I chilometri proseguono, arriviamo a Borgo San Lorenzo dopo 3:46, sono stato lungo il percorso insieme a tutti, non voglio lasciarli, ogni tanto richiamo Dante a rallentare, le sue gambe ci sono, il suo fiato anche, ma il duro deve ancora arrivare. Panicaglia, si inizia, lì si decide la gara, iniziamo a salire, fortunatamente non è caldissimo, io mi ero portato con me lo zainetto, certo è una fatica in più, ma immaginavo che pippo non fosse in grado di darci una mano, quindi avere l'acqua a disposizione quando ti serve mi è di aiuto. La salita è dura e si vede, i concorrenti iniziano a rallentare, Dante e Angelo stanno bene, arriviamo al 42km ormai manca poco alla Colla, alterniamo corsa a camminata veloce, io inizio a sentire di nuovo fastidio alla pianta sinistra. Il mio morale scende, mi iniziano a balzare nella mente pensieri negativi come l'anno passato, Dante e Angelo si svincolano, hanno carburante e si sentono bene, ritengo che devono andare avanti, io mi sfilo nella speranza di riprenderli alla Colla.
Incontro un Runner, mi affianco a lui, gli chiedo se posso camminare un pò al suo fianco, così ci facciamo compagnia a vicenda, accetta contento la mia richiesta. Mi racconta che anche lui come me ha dovuto lasciare i suoi amici che accompagnava per la loro prima volta. Ha problemi agli addominali, gli fanno male, a Borgo San Lorenzo, ha fatto una puntura di Buscopan per allievare i dolori, prosegue per arrivare alla Colla e poi ritirarsi, ha un personale di 10 ore e 22 minuti sulla Passatore ma sono due edizioni che non riesce più a terminarla. E' demoralizzato, anche io gli racconto quello che mi sta succedendo e mi consiglia di ritirami alla Colla una volta arrivati assieme. Andiamo avanti, al ristoro di Razzuolo mi fermo, decido di cambiarmi i calzini, butto dell'acqua fredda sul piede per avere un pò di sollievo e fatto il cambio riparto. Sento Pippo per telefono che si è fermato, stanchissimo non riesce più a pedalare mi chiede se dopo c'è discesa perchè altrimenti non prosegue nemmeno lui e mi chiede scusa se non ha potuto e potrà farmi da supporter. Lo libero dal senso di respondabilità, lo informo di quello che mi sta capitando e gli dico che ci vedremo sulla Colla. Al 45 km lo vedo, che cammina con la bici a mano, è distrutto, mi affianco e cerco di dargli forza che ormai manca poco, il mio piede sinistro mi reca molto fastidio, alla Colla deciderò cosa fare. Ore 09.33 arrivo alla Colla di Casaglia, incontro Dante e Angelo che si stanno cambiando, hanno fatto il massaggio, hanno mangiato e sono quasi pronti per ripartire. La mia mente inizia a fare strani scherzi, il morale è giù, vedo loro carichi e uniti mentre io sono abbattuto, ad un certo punto il mio carattere mi gioca uno scherzo, decido di cambiarmi e di bere e non fare nessun massaggio per rimanere con loro, e vedere cosa succederà in discesa con i primi chilometri.

100km di PASSIONE ( 1° Parte )

Eccoci qua, ormai il giorno è giunto, tutti i turisti guardano con curiosità e scetticismo noi concorrenti e alcuni stranieri ci chiedono che gara sia, e alla risposta di Ultra-Maratona di 100km, rispondono "WOW siete matti!!!".




Partendo dalla sx della foto, Pippo, io, Dante a Angelo: tutto ormai è pronto, controlliamo il nostro abbigliamento, sentiamo i discorsi degli altri Ultra-Maratoneti, vediamo Calcaterra (tiratissimo) il campione assoluto di queste manifestazioni e ci chiediamo arriveremo in fondo? La domanda è lecita, fare una 100km non ha nulla a che vedere con tutte le altre gare podistiche e la PASSATORE non ha nulla a che vedere con le altre Ultra-Maratone, è unica nel suo genere. Unica per il suo percorso, unica per le persone che vi partecipano, unica per i sapori e le sensazioni che si provano, e quindi una volta nella vita, anche solo una volta vi consiglio di tentarla, perchè è UNA NOTTE D'AMORE!!!

Bene, ci incontriamo con i nostri amici bloggers, con il mitico Giampy tesissimo e felicissimo di esserci come supporter, insieme ai suoi runners Marco, Ugo, Jackie, Mauro; in via dei calzolai, ci scambiamo i saluti, ci facciamo le foto insieme, con Denise, Nikka, la Cristina con la quale ci sentiamo per telefono, che anche lei accompagnerà un suo amico lungo il percorso, per tutti noi è una giornata di festa e bisogna festeggiarla. Il mitico Giampy ha organizzato una squadra di team supporter da paura: macchina, camper, bici, insomma una vera è propria squadra, noi invece abbiamo solo il nostro cuore e la nostra forza di volontà che ci spinge, perchè pippo non ha idea di cosa significhi fare una 100km anche solo in bici, non conosce la salita della colla, Dante non ha mai partecipato ad una maratona e vuole festeggiare il suo compleanno in questa maniera, io conosco la Passatore e la guardo con rispetto poichè l'anno passato alla Colla mi sono ritirato per problemi ai piedi (vesciche) e Angelo che nell'edizione passata l'aveva conclusa, cercherà di abbassare il suo personale.
Poichi minuti alle quindici, ci facciamo gli ultimi in bocca al lupo, ci scambiamo gli ultimi consigli e allo sparo del fucile del Passatore, VIA SI PARTE...............
Primi km, firenze è in festa, tra applausi, urla, gridi di "Bravi, siete tutti matti" e automobilisti incavolati che ci imprecano addosso perchè abbiamo fermato il traffico delle stradi centrali, le nostre gambe iniziano a percorrere passo dopo passo i km che ci porterrano in questa lunga giornata a Faenza!!
Dopo i primi 5km arriva la prima salita, l'entusiasmo della partenza scende e il nostro cervello inizia a comandare sull'emozioni, sì perchè già a partire dai primi km l'energie vanno sapute gestire, sono 100 i chilometri da percorrere quindi serviranno tutte fino in fondo.
Arriviamo a Fiesole, tutti insieme, la temperatura è buona, Dante e Angelo si fanno accompagnare dalla musica dei loro mp3 con qualche scambio di battute tra di noi, io invece, niente musica, voglio sentire ogni passo del mio corpo e ogni battito del mio cuore, ogni tanto ascolto qualche commento dei concorrenti che sorpasso e mi prendo con gioia gli applausi degli spettatori lungo il percorso. Siamo tantissimi, molti accompagnati dalle loro famiglie e amici, che cercano di identificare i loro mezzi, con striscioni o scritte attaccate sulle carrozzerie e vetri delle macchine, con parole di incoraggiamento. Pippo, il nostro supporter, si accorge che non è una passeggiata e a Olmo, io e Dante, lo chiamiamo essendoci accorti da subito che sarà durissima anche per lui, quindi dovrà fare da supporter a se stesso più che a noi e lo liberiamo da questa responsabilità, contenti lo stesso di sapere che qualcuno più avanti di noi c'è e forse, lungo il percorso, lo rivedremo.

venerdì 30 maggio 2008

Comunque vada sarà un SUCCESSO



Bene ormai ci siamo, il countdown è giunto quasi al termine si tratta di poche ore, si guarda gli ultimi dettagli, si sente gli amici e si legge ancora una volta il volantino delle informazioni.

100km, solo al pensiero alcuni rispondono: mi stanco solo a pensarli, figuriamoci a correrli. E' vero sono tanti ma se uno non ci pensa passano anche loro e quest'anno passerrano con una velocità incredibile, e sì perchè da quanto ho deciso di aprire questo blog la mia passione si è allargata a macchia d'olio, ha dato spazio al mio spirito avventuriero e solare e mi ha permesso di conoscere un sacco di runners con i quali condividere questo meraviglioso sport!!!

Domani sarà una giornata speciale, una giornata dedicata a quel sentimento che è l' AMICIZIA che come l'amore è difficile da trovare ma se la trovi ti rende una bella persona.

Ringrazio quindi tutti coloro che mi stanno vicino e mi sono vicino in questa mia prima ma non ultima impresa sportiva e sono contento di essere con vecchi e nuovi amici quindi GRAZIE DI CUORE A TUTTI:

Filippo - Dante - Sandro - Niko - Domizio - Ricky - Giampy - Ugo - Monica - Uscuru - Daniele - Pamela - Alex - Paolino

Un Grazie Speciale alla mia compagna Alex vicina alle mie pazze imprese!!

PS: Dedico con grande amicizia sportiva una foto ricordo al mio amico di 100km Angelo!!!



Ci sentiamo al mio ritorno un abbraccio con affetto a tutti!!!!!

martedì 27 maggio 2008

A proposito di salite!!!

Bhè ragazzi, che vi devo dire a pochi giorni dalla Passatore, mi verrebbe di dire che non c'è fetta biscottata che tenga per una corsa del genere, a volta penso: Ma che mi dice la capoccia, non ti bastano le mezzemaratone, le maratone ecc, ecc.

Comunque andando alle salite ritengo che queste possono essere molto utili al corridore, ne esistono di vario tipo, in rapporto soprattutto alla lunghezza e alla pendenza. Le più utili al corridore sono:


  • Salite brevi: sono lunghe alcune decine di metri e vengono effettuate su tratti piuttosto pendenti; in genere si tende a dare importanza all'impegno muscolare che viene richiesto e al conseguente rafforzamento dei gruppi muscolari che più di tutti intervengono nella corsa. In realtà sono molto allenanti anche per il cuore, soprattutto se vengono corse con un notevole impegno ( in modo che la frequenza cardiaca salga rapidamente a valori elevati ) e con intervalli piuttosto lunghi fra una ripetizione e l'altra ( per far sì che la frequenza cardiaca possa scendere sotto i 120-130 bmp e un pò come l'allenamento che si fa in spinning quando vengono fatte le ripetute in piedi )


  • Salite medie: sono lunghe alcune centinaia di metri ( in genere da 400 a 800-1000 metri ) e vengono effettuate con un impegno simile a quello con cui di correrebbero le ripetute in piano di pari durata. Sono adatte soprattutto per chi gareggia nelle prove del mezzofondo veloce poichè determinano un aumento della capacità di utilizzare ossigeno in un buon numero di fibre veloci, soprattutto del sottotipo FTO


  • Salite lunghe: vanno da 2 a 10 km con una pendenza del 3-5 per cento e vengono effettuate con l'impegno con cui si corre ilo corto veloce o il medio; anche in questo caso c'è un intervento di un certo numero di fibre veloci. Queste salite sono più adatte a chi fa le prove del mezzo fondo prolungato o quelle di fondo, fino alla maratona.

Ok, mi raccomando che le salite vanno affrontate con capoccia, non conviene ai principianti, cioè a tutti coloro che si avvicinano al mondo del running da poco, cimentarsi con allenamenti di questo tipo, conviene i primi mesi e addirittura in alcuni casi i primi sei mesi, percorrere percorsi di saliscendi, e se la frequenza cardiaca sale alle stelle, passare ad un intervallo di cammino/corsa.

PS: Diamo un saluto ad una nuova Runnig Pamela!! Salutiamola tutti, oggi ha deciso di entrare nel nostro mondo, quindi si merita un saluto grande da tutti noi!! Ok

Un abbraccio a tutti i miei amici, ci vediamo alla mattata del Passatore!!! ER MARIONE!!!

martedì 20 maggio 2008

I GRASSI sempre sotto accusa!!!!



Eccola la famosa barretta magica!!! Magica perchè pensiamo che con quella si dimagrisce, poichè fornisce una sensazione di sazietà e perchè solo con il suo apporto, riusciamo a fare allenamenti da super-atleti!!!
In supermercato, nelle palestre, nei negozi sportivi, in erboristeria, insomma ovunque possiamo trovare la famosa Barretta! Questo perchè? Perchè siamo sempre attenti alla linea, alla circonferenza del giro vita, alla prova costume, e perchè i GRASSI sono sempre sotto accusa!! Ma siete così sicuri che facciano poi così male?
I grassi sono nutrienti importanti per il nostro organismo, non apportano solo calorie, ma come succede per i carboidrati e le proteine, hanno ruoli metabolici importanti e non vanno demonizzati. Come tutte le cose è la DOSE che fa la differenza ed un cibo può risultare dannoso o utile a seconda della quantità. I lipidi sono una fonte utile di grassi essenziali e vitamine liposolubili ( A, D, E, K ) e sono elementi nutrienti per il nostro organismo. La sedentarietà dilaga e spesso diamo la colpa a qualcosa o a qualcuno, ma i poveri grassi non hanno colpa!!
Obesità e sovrappeso hanno trovato terreno fertile nel progresso sociale: passeggiamo per le strade e vediamo le ragazze di oggi con pantaloni calati e rotolini in mostra, perchè bisogna essere anticonformisti, contro una moda che pubblicizza ragazze anoressiche, super magre, icone irraggiungibili nemmeno se ti metti ore ed ore in palestra, perchè loro non mangiano per essere così acciughe!!! Ma noi cosa possiamo fare, come possiamo diventare tonici/toniche?
Uniamo una corretta attività fisica ad una conoscenza relativa a valore nutrizionale dei cibi che introduciamo nel nostro corpo e vi garantisco che il risultato si può raggiungere!!! Di frequente si vede al supermercato le persone intente a leggere quanto riportato sulle confezioni, ed è altrettanto facile vedere quelle stesse persone, scartare prodotti da forno contenenti burro a favore di grassi vegetali, senza comprendere che un prodotto con burro è di qualità superiore.
E' altrettanto facile vedere le persone che fanno merenda con quattro innocenti biscottini allo cioccolato, dimenticando che hanno introdotto una quantità di calorie pari a 100gr di una bistecca di maiale. La morale è: il bilancio calorico globale fa la differenza, la quantità di calorie introdotte nella giornata. Cambiare le proprie abitudini alimentari è complicato è il nodo dove molte diete falliscono, dove il nostro io non regge. Quindi dove andiamo a sbattere la nostra testa? Inserendo degli spuntini a basso contenuto calorico a metà mattinata e pomeriggio, con yogurt, frutta, verdura ecc....da evitare dolci, fast food, bevande gassate ecc, importantissimo una buona colazione dove inserire tutti gli elementi del fabbisogno calorico corporeo, nella quantità di carboidrati, proteine, ecc.
Se poi ciò non ci basta, allora bisognerà recarsi da un nutrizionista esperto, dove descrivergli le nostre abitudini per cercare di dare un cambiamento alla nostra alimentazione, l'importante è capire che senza sacrifici, che non devono per forza essere esagerati, i risultati non si raggiungono!!!

Lo sapevate che.......



Ciao, lo sapevate che il PH sono due lettere chiave per la nostra salute?
Tra i parametri corporei da tenere sotto controllo affinchè il nostro organismo mantenga lo stato di benessere, uno dei meno conosciuti è il PH.
Ogni singolo sistema, apparato o tessuto organico funziona in modo ottimale con specifici valori di Ph: il Ph dei succhi gastrici infatti ben diverso da quello dell'urina, della saliva, della pelle e del sangue. Queste differenze di Ph sono mantenute costanti dal PH TISSUTALE. Il termine Ph è una "unita di misura in grado di valutare l'acidità o l'alcanilità di una sostanza. A Ph 7,0 cioè esattamente a metà della scala di misurazione (0-14) si identifica come neutra,verso valori inferiori a 7,0 si trovano le sostanze acide, verso valori superiori a 7,0 si troano sostanze basiche o alcaline".
Ma il PH TISSUTALE ? E' un iportantissimo parametro che permette di valutare lo stato di salute del nostro organismo ed è influenzato dall'alimentazione e dallo stile di vita. Quando l'alimentazione quotidiana è eccessivamente ricca di alimenti ACIDI (carne, pesce, formaggio, alcool, caffè..) e carente di alimenti alcalinizzanti (frutta, verdura, acqua) il nostro organismo tende ad avere dell'accumulo di scorie acide (scorie metaboliche) che i nostri sistemi drenanti non riescono ad eliminare.
Uno stile di vita sedentario, il fumo e l'utilizzo prolungato di farmaci, inoltre, contribuiscono ad alterare questo parametro vitale...
Il PH TISSUTALE può essere facilmente misurato controllando il PH delle URINE con semplici cartine reattive al tornasole e riequilibrato con l'utilizzo di integratori alimentari ad azione alcalnizzante, ( il test delle urine si misura immergendo una cartina tornasole in un bicchierino di plastica in cui abbiamo raccolto le - seconde urine del mattino - il cui valore ottimale deve essere compreso tra 6,5 - 7,0 ).
Come facciamo a capire se siamo in condizioni di eccesso di scorie acide?
Sicuramente basta fare il test sopra descritto, facilmente eseguibile, ma possiamo accorgersi di essere in uno stato di scorie acide anche se:
  • risveglio con sensazione di stanchezza e affaticamento, testa pesante - quindi i sistemi drenanti non riescono ad eliminare efficientemente nella fase di riposo notturno le scorie acide prodotte nella giornata;
  • crampi o rigidità muscolare - l'eccesso di scorie acide si deposita nelle articolazioni;
  • alimentazione squilibrata - consumo eccessivo di carne e alimenti di origine animale e scarso apporto di verdura e frutta;

Bene, quindi mi raccomando controlliamo il nostro stato di PH TISSUTALE e cerchiamo di curare la nosta alimentazione!!!

martedì 13 maggio 2008

Correre e Bello





Ciao, e si è proprio così, il video sopra è ciò che mi aspetterà a fine mese, ma il titolo del post è per sapere quali sono per voi le sensazioni che la corsa vi lascia, km per km!!

"La pratica abituale della corsa porta grandi vantaggi alla salute", ormai questa frase è di comune coscienza in tutti noi, i medici sportivi dicono che mentre si corre ci sia produzione di endorfine, una variazione di catecolamine nel sangue e determinati cambiamenti che si verificano nel funzionamento del nostro cervello, forse intendono che diventiamo SONATI DELLA CORSA!!! Ah ah ah ah!!



Io ritengo che siano valide tutte e tre le ipotesi compreso l'ultima, e che possano coesistere, magari con sfumature diverse da caso a caso. E credo che il benessere che prova chi sta correndo sia diverso da individuo a individuo; in alcuni casi può prevalere una sorta di piacere cerebrale (da endorfine); in altri uno stato di euforia (forse da catecolamine); in altri può predominare l'estasi (le onde alfa).

Altre persone cosiderano bello correre soprattutto perchè apprezzano altri vantaggi offerti dalla corsa, per esempio la possibilità di svolgere l'attività in ambiente piacevole ( parchi, laghi, boschi ecc); altri corrono perchè il loro motto "CORRO PERCHE' MANGIO" permette loro di concedersi i peccati di gola; altri ancora corrono per stare in mezzo alla gente sentirsi parte di un gruppo sociale i RUNNERS e per vedere qualche bella fanciulla in tenuta attillata!!!

Le componenti psichiche giocano senza dubbio un ruolo importante nel rendere la corsa piacevole. Alcuni piscologi sostengono che il desiderio di muoversi nasce da bisogni profondi: le persone costrette per lungo tempo all'immobilità quasi sempre manifestano nervosismo, e una sintomantologia di tipo ansioso, correre per 2-3 volte alla settimana permette di conservare un fisico snello, un colorito sano e soprattutto ci fa sentire bene, dandoci di conseguenza maggiore fiducia in noi stessi e migliorando la nostra salute. Altri usano la corsa per scaricare lo stress accumulato con il tram-tram della vita quotidiana...



Insomma in un modo o nell'altro CORRERE E' BELLO e TU CHE RUNNER SEI?

sabato 10 maggio 2008

Il mio Test!!!


Ciao Runners!!
Oggi test, completato, partenza un pochino in ritardo, ieri sera cena fuori con amici, quindi stamani dura ad alzarsi. Parto alle dieci da Ciampino Aeroporto, altezza Appia antica e via per le strade romane. Inizio la corsa piano, dopo aver ricevuto un caloroso saluto dalle lucciole, immancabili sull'appia antica, che con occhi curiosi mi guardavano, visto che sembravo un runners di endurance in tutti i sensi. Zainetto in spalla della North Face, borraccia con i sali, un pack al miele, una boccettina di energia viva, ricordate? le famose bottigliette che avevo visto alla passatore? ah ah ah.
Inizio piano, per riscaldarmi, anche perchè per chi è pratico dell'Appia antica è tutta san pietrini e quindi i piedi devono faticare, arrivo alle terme di caracalla e tiro dritto sul lungo tevere fino allo stadio dell'Acqua Acetosa, li entro, due giri di pista tirandoli un pochino, poi streching e rifornimento di acqua, poi via di nuovo tornando un pò indietro, via della moschea, ciclabile fino alla salaria, villa ada, due giri di campo a villa ada e poi stop, si era fatto tardino.
Totale 30km tempo 2h 35 minuti, non sono riuscito a farne cinquanta, essendomi alzato tardi ma va bene lo stesso, le gambe ci sono e il fiato pure, Fc medio 160, ho anche tirato qualche Km a 4.45 con Fc 172.
Dolori? Nessuno, sto bene, tenendo conto che ho avuto una settimana un pò pesantina, perchè non sono riposatissimo, ma sono contento, al momento c'è sia il corpo che la mente!!!
Un saluto a tutti!!!

mercoledì 7 maggio 2008

La corsa e lo stress!!!














Dedicato al mio super amico USCURU e a tutti i runners!!!

Si dice che lo STRESS costituisca il sale della vita!!! Ma ne siamo sicuri!!!
In ogni momento della nostra giornata subiamo degli stress. talvolta li cerchiamo; nella maggior parte dei casi non determinano disturbi per il nostro organismo. Il nostro organismo e la nostra mente, anzi, ne hanno bisogno, dal momento che senza stress la vita sarebbe una palla, monotona, senza stimoli e senza interesse. Questa è l'opinione dei medici e degli psicologi.
Secondo sempre le loro opinioni è, però, pericoloso l'eccesso di stress, chiamato DISTRESS. 
Questo provoca disturbi di vario tipo ( del sonno, della digestione, dell'efficienza sessuale...) e anche vere e proprie malattie ( ipertensione, mal di testa, malattie cardiache ecc..) 
Ovviamente lo sport fornisce un valido aiuto, soprattutto se di tipo aerobico, per combattere efficacemente le conseguenze nocive sul cuore, anche perchè gli effetti endocrini e sul sistema nervoso causati dallo stress sono inferiori in coloro che praticano abitualmente attività sportive, detto in parole povere gli sportivi hanno una soglia più alta rispetto ad un sedentario, a parità di ormoni surrenalici immessi nel sangue, il cuore ne risente in misura minore.
Per certe persone, tuttavia, la corsa può invece diventare causa di eccessivo stress; questo succede a chi si dedica alla corsa come professione, ma talvolta anche a qualche amatore. Di solito le persone che nel lavoro e nella vita di tutti i giorni sono già sottoposte a notevoli tensioni le scaricano proprio grazie alla corsa.
Quando l'allenamento è fatto con impegno eccessivo e quasi maniacale, con spirito competitivo e sforzo esagerato, può costituire invece uno stress ulteriore e difficilmente visibile, in quanto è nascosto dalla nostra mente, concentrata per raggiungere uno scopo da noi prefissato.


E' importante, perciò vivere l'attività fisica e il relativo impegno con buon senso e misura, ascoltando i segnali che il nostro corpo ci invia, per capire quando arriva il momento di cambiare marcia, per ridurre la nostra soglia di DISTRESS!!!